Share

OMELIA DEL 5 AGOSTO DI DON EDOARDO

Siamo tutti qui per manifestare il nostro amore, la nostra devozione a maria che da secoli è il baluardo sicuro,la difesa di questo territorio e della sua popolazione. Tutto passa, tutto cambia, Lei rimane stella di riferimento per tutti. La vostra numerosa presenza lo attesta concretamente.

Si può stare con Maria in tanti modi:-camminando insieme a Lei, accompagnati da Lei:
-guardando a Lei per chiedere la sua intercessione a favore dei nostri bisogni
-Ascoltandola nei suoi consigli come da buoni figli, fiduciosi nelle parole della mamma.

Al termine di questo percorso che ci ha visti camminare anche sul mare con Lei per benedire il Padre dei benefici riversati sul nostro territorio, per invocarne la protezione sulle nostre famiglie e su tutta la comunità religiosa e civile, vogliamo congedarci ascoltando i suoi consigli.

Anche a voi leggo e commento il messaggio di Maria del 2 agosto.

MESSAGGIO DA MEDGUGORJE 2 AGOSTO

Cari Figli,
il motivo per cui sto con voi, la Mia missione e’ di aiutarvi affinché vinca il bene, anche se questo adesso a voi non vi sembra possibile.
So che molte cose non le comprendete, come anche io non avevo compreso, tutto quello che Mio Figlio mi insegnava mentre cresceva accanto a Me.
Ma io gli credevo e l’ho seguito questo chiedo anche a voi di credermi e di seguirmi.
Ma figli miei, seguire me significa amare Mio figlio al di sopra di tutti, amarlo in ogni persona senza distinzione.

1-Per poter fare tutto ciò Io vi invito nuovamente alla rinuncia alla preghiera e al digiuno.

2-Vi invito affinché la vita per la vostra anima sia l’Eucaristia.

3-Io vi invito ad essere miei apostoli della luce , coloro che nel mondo diffonderanno l’amore e la misericordia.
Figli miei, la vostra vita e’ solo un battito confronto alla vita eterna.
Quando sarete di fronte a Mio Figlio, Lui nei vostri cuori vedrà quanto amore avete avuto.

4-Per poter nel modo giusto diffondere l’amore io prego Mio Figlio affinché attraverso l’amore vi doni l’unione per mezzo Suo.
L’unione tra di voi e l’unione tra voi e i vostri pastori.
Mio Figlio sempre vi si dona nuovamente attraverso di loro e rinnova le vostre anime. Non dimenticate questo.
Vi ringrazio.”

Non dimenticate! Noi dimentichiamo facilmente ma la vita è un battito e non si può dimenticare o rimandare ciò che è necessario fare perché questo battito della vita produca la vita eterna che Gesù Figlio di Maria ci vuole dare!

C’è tanto da fare nel campo della fede perché la fede si trasformi in opere di vita: l’accoglienza, il lavoro, la famiglia, il supporto alle istituzioni ci devono vedere protagonisti convinti. Le risorse umane e naturali non ci mancano.