Share

Presentato il programma della Festa: il gemellaggio con la città di Matera tra le iniziative di spicco

“Maria, dolce Madonna Greca, speranza di comunione e di unità”. È questa la “linea guida” prescelta per la festa della Madonna Greca 2017, che anche quest’anno si preannuncia ricca di iniziative di elevato spessore qualitativo. I particolari delle varie manifestazioni laiche e religiose, sono stati illustrati questa mattina nel corso della conferenza di presentazione del programma della festa, svoltasi all’interno del Palazzo Vescovile di Isola Capo Rizzuto. Oltre al parroco di Isola Don Edoardo Scordio, ed al governatore della Misericordia Leonardo Sacco, erano presenti anche il sindaco Gianluca Bruno e l’assessore Carmine Parisi, a testimonianza della sinergica collaborazione offerta dal Comune per l’organizzazione di alcune iniziative socio-culturali.
In apertura, il parroco don Edoardo Scordio, ha meglio illustrato i concetti espressi nella “linea guida”, richiamando al valore dell’unità, quale elemento imprescindibile per il conseguimento del bene comune.
Riteniamo che oggi – ha osservato don Edoardo – di fronte ad una serie di avvenimenti, sia a carattere mondiale che locale, vi sia un ritorno all’individualismo, perché manca la fiducia umana. L’unità è fondamentale”. “Se manca l’unità – ha aggiunto – possiamo realizzare individualmente tante cose, che però non concorrono al raggiungimento del bene comune”.
Il cartellone allestito dal comitato festa, che intratterrà la cittadinanza fino al prossimo 14 maggio, quest’anno riserva due particolari novità: il duplice gemellaggio con la città di Matera e la prima edizione della “fiera mariana”. Il gemellaggio con la città lucana, Capitale europea della Cultura 2019, oltre a quello prettamente istituzionale, che coinvolgerà i due Comuni, vedrà il sodalizio anche tra la Parrocchia di Isola e la Diocesi di Matera-Irsina, guidata dal concittadino Monsignor Caiazzo. Venerdì 5 maggio, una delegazione della predetta Diocesi, giungerà infatti ad Isola Capo Rizzuto, proprio in occasione della “Calata” della Madonna Greca, ovvero la funzione che segna l’avvio delle celebrazioni religiose.
“Quest’anno – ha commentato il sindaco Bruno – l’amministrazione comunale ha manifestato piena disponibilità nell’organizzazione di alcuni eventi socio-culturali, intendendo istituire la prima edizione della “fiera mariana”, che si terrà lungo via Le Castella, e promuovendo l’esibizione di un cantante del calibro di Michele Zarrillo. Non posso poi non essere soddisfatto del gemellaggio con la città di Matera, una città che grazie alla determinazione e alla perseveranza ha saputo riscattarsi da un passato avaro di considerazione”. “Grazie a questo gemellaggio – ha infine evidenziato il sindaco – Isola potrà avere la sua vetrina all’interno della Capitale europea della Cultura”.
“Ringrazio a nome di tutti il sindaco e l’amministrazione comunale – ha osservato invece il governatore della Misericordia, Leonardo Sacco – per la preziosa collaborazione dedicata all’organizzazione della festa”.
Volgendo lo sguardo ai giorni clou della festa, sabato 6 maggio, dopo la consueta processione dell’icona della Madonna Greca per le vie del paese, in programma alle ore 15.00, si terrà in serata lo spettacolo musicale della Tribute Band Nomadi “Un pugno di sabbia”. Domenica 7 maggio, alle 10.30 si terrà la tradizionale Messa solenne in piazza del Popolo, mentre alle 22.00 ci sarà il concerto di Michele Zarrillo. Il lunedì, si svolgerà il pellegrinaggio per Capo Rizzuto, al cui rientro, previsto per le ore 21.00, ci sarà lo spettacolo pirotecnico e l’estrazione della lotteria.
Da non dimenticare l’iniziativa in programma il prossimo 1 maggio, quando saranno celebrati i 50 anni di storia calcistica della Polisportiva Isola Capo Rizzuto, a cui la squadra e la società hanno reso omaggio con la trionfale vittoria del campionato di Eccellenza ed il successivo approdo in serie D. Per l’occasione, sarà anche presentato il libro “Una passione lunga 50 anni”, che ripercorre fatti, aneddoti e personaggi legati alla storia calcistica di Isola.
(Fonte: Parrocchia dell’Assunta)